BLOG

Per vivere felici

mister-felicit.jpg

Rialzarsi dopo una caduta

  • Pietro

Il film "Mister Felicità" di Alessandro Siani, uscito nel 2017, è un invito al pensiero positivo e all'azione, per trovare la forza di rialzarsi dopo una caduta.

Ecco alcuni stralci estrapolati dalle interviste rilasciate dall'attore e regista napoletano sull'argomento.

«Non so se il pubblico si può immedesimare in una storia del genere; sicuramente l'argomento "felicità" mi sembra abbastanza vicino alla gente, alle persone».

«L'idea del film nasce dall'esigenza di raccontare la mancanza di ottimismo nell'affrontare la vita, la grande confusione, la grande rabbia che ci sta per tutto quello che ci succede intorno».

«È un film che ci fa capire se i 'mental coach' (che spesso dicono di avere la chiave per poter rendere le persone felici) possono aiutarci veramente e l'abbiamo ottenuto cercando di mettere insieme due pessimisti che però uniti hanno fatto scoccare la scintilla della felicità».

«La felicità è un po' come l'amore e il sentimento che sono universali».

«L'amore è sempre stato un grande motore della felicità: forse amore è sinonimo di felicità, o viceversa».

---o---

«Secondo me, quando si è da soli, la felicità dura un attimo; magari, se è condivisa, dura "nu poco 'e cchiù"». (Alessandro Siani)

Tags: #felicità #pensopositivo #citazioni #amore #alessandrosiani #siani #cinema #film #intervista #ottimismo #misterfelicità

napoli-1.jpg

Essere felici (non solo a Napoli...)

  • Pietro

Sempre più italiani soffrono di depressione: lo dimostra il continuo aumento dell'uso di psicofarmaci.

In Italia circa 11 milioni di persone assumono farmaci contro la depressione, un valore che è superiore quattro volte alla media europea.

In questo contesto, una piacevole eccezione è rappresentata da Napoli, la città in cui si fa il minor utilizzo di psicofarmaci.

E, con orgoglio, il sindaco Luigi De Magistris ha affermato: «Chi è depresso venga a Napoli, città d'Italia con il più basso uso di psicofarmaci e suicidi».

Eppure vivere a Napoli - tra inefficienze, confusione, povertà - risulta essere molto più difficile e faticoso che nel resto d'Italia.

Questo dimostra che la felicità è una scelta di vita, un modo di essere, una decisione individuale che prescinde da tutto il resto.

Amare se stessi per poi imparare ad amare ciò che ci circonda, senza una ragione particolare.

A Napoli, ci si accontenta con ciò che si ha perché si dà più importanza a ciò che si è.

E comunque, una passeggiata al lungomare in una bella giornata di sole, magari accompagnata da un'ottima pizza, non sono motivi già più che sufficienti per essere felici?

 --o--

«Un uomo diventa felice nel momento in cui decide di esserlo». (Abramo Lincoln)

Tags: #felicità #amore #Napoli #essere #decisione #psicofarmaci #depressione

orologio.jpg

Il tempo, il denaro e la felicità

  • Pietro

Come racconta il grande Totò nella poesia 'A livella, la morte è la cosa più democratica di questo mondo, perché ci rende tutti uguali.

Ed è allora che ti accorgi che tutto ciò che hai accumulato su questa terra non ha più alcun valore.

Tutti i soldi e i beni materiali che possediamo, in quel preciso momento, non valgono più nulla.

Spesso crediamo che i soldi facciano la felicità, e cresciamo inseguendo questa illusione, siamo convinti che possedere più cose ci renda felici, ma più del denaro, ciò che ha realmente valore nella nostra esistenza è il TEMPO.

Mentre i soldi vanno e vengono, il tempo scorre inesorabile per tutti (o forse siamo noi che passiamo attraverso il tempo).

Dovremmo imparare a dedicare più tempo per noi stessi, la vera felicità non è rincorrendo gli obiettivi, pensando che quando si avrà quello o si diventerà un altro si sarà felici.

È sufficiente soffermarsi, guardare dentro di noi, archiviare il pensiero e semplicemente essere, e quando si è, si è pieni di amore per se stessi, per gli altri, ci si sente uno col tutto...

La felicità è dentro di noi e non è legata ad alcun motivo in particolare...

 --o--

«Il Tempo è il presente, ovvero quel breve istante che separa il passato dal futuro. Ma se il passato non è più, e il futuro non è ancora, lui, il Tempo, in quanto separazione tra due entità che non esistono, come fa ad esistere? Lo stesso si può dire per la Felicità. Essere felici vuol dire essere contenti del presente. Tutti, a parole, sono convinti di essere stati felici in passato, e tutti sperano di essere felici in futuro; quando, però, si tratta di riconoscere che si è felici proprio nel momento in cui ci si pone la domanda, ebbene, diciamo la verità, non tutti ce la fanno».

(Luciano De Crescenzo)

Tags: #felicità #tempo #denaro #sogni #presente #autostima