Lo so, la prima che vi verrà in mente è sicuramente "Felicità" di Al Bano e Romina Power, un brano allegro, una canzone positiva che mette buonumore.

Oppure, se siete più giovani, "Felicità puttana" dei Thegiornalisti, un brano in cui si ricorda che la felicità dura un attimo, ma vale la pena di essere vissuta.

Ma la musica leggera italiana è piena di altre canzoni dedicate a questo tema. Ecco di seguito le nostre tre canzoni preferite.

1) "Felicità" di Lucio Dalla: un brano lento, malinconico e intimista, in cui si mette in risalto la fugacità della felicità che quando arriva poi subito passa.

"Ah, felicità, su quale treno della notte viaggerai. Lo so che passerai, ma come sempre in fretta non ti fermi mai".

2) "Chiedimi se sono felice" di Samuele Bersani: una dolce melodia con un testo poetico che invita a cogliere al volo quell'attimo di felicità che ci viene concesso, perché non sappiamo quanto durerà.

"Felicità, improvvisa vertigine, illusione ottica, occasione da prendere".

3) "Che rumore fa la felicità?" dei Negrita: questa canzone in realtà non ci dà la risposta, tuttavia è giusto porsi la domanda per capire cosa ci può rendere davvero felici.

"Mentre il senso delle cose muta ed ogni sicurezza è ormai scaduta, appassisce lentamente la coscienza della gente. Che rumore fa la felicità?".

Paolo Ruffini è un noto attore, regista e conduttore televisivo.

Recentemente ha pubblicato un libro intitolato "La sindrome di Up. La felicità insegnata da persone con sindrome di Down".

Si tratta del racconto della sua esperienza con i ragazzi della "Mayor Von Frinzius" per il progetto UP&Down, un viaggio che ha condotto l'attore verso la felicità.

«Ho imparato che la vita è fatta di up e down: siamo tutti up quando le cose vanno particolarmente bene, quando tutto è perfetto e siamo down quando invece gli eventi della vita non sono come vorremmo e non rispettano le nostre aspettative».

«Certo non possiedo il segreto della felicità, però oggi dopo tanto tempo ho capito che la vera felicità può trovarsi dappertutto, nella normalità, nella diversità, perfino nel dolore».

Paradossalmente, le persone affette da sindrome di Down mostrano di possedere un vero talento alla felicità che le persone cosiddette normali non hanno.

«La verità è che la vita non ci chiede di essere normali, perché essa stessa celebra la diversità, che è l'unica cosa che proprio tutti abbiamo in comune».

Ecco, dunque, l'invito di Ruffini: «Non aspettare domani, cerca di essere felice adesso... perché la felicità è un atto rivoluzionario!».

Il film "Mister Felicità" di Alessandro Siani, uscito nel 2017, è un invito al pensiero positivo e all'azione, per trovare la forza di rialzarsi dopo una caduta.

Ecco alcuni stralci estrapolati dalle interviste rilasciate dall'attore e regista napoletano sull'argomento.

«Non so se il pubblico si può immedesimare in una storia del genere; sicuramente l'argomento "felicità" mi sembra abbastanza vicino alla gente, alle persone».

«L'idea del film nasce dall'esigenza di raccontare la mancanza di ottimismo nell'affrontare la vita, la grande confusione, la grande rabbia che ci sta per tutto quello che ci succede intorno».

«È un film che ci fa capire se i 'mental coach' (che spesso dicono di avere la chiave per poter rendere le persone felici) possono aiutarci veramente e l'abbiamo ottenuto cercando di mettere insieme due pessimisti che però uniti hanno fatto scoccare la scintilla della felicità».

«La felicità è un po' come l'amore e il sentimento che sono universali».

«L'amore è sempre stato un grande motore della felicità: forse amore è sinonimo di felicità, o viceversa».

---o---

«Secondo me, quando si è da soli, la felicità dura un attimo; magari, se è condivisa, dura "nu poco 'e cchiù"». (Alessandro Siani)

UN BRAVO A JOVANOTTI!

Più di mezzo milione di persone hanno assistito al suo tour "Jova Beach Party 2019". Un'impresa ciclopica. Si merita tutto questo successo e anche di più.

Perché? Perché le sue canzoni sono positive, inneggianti alla pace, all'amore, al divertimento, alla spensieratezza e soprattutto alla Felicità! smile

Il ruolo di un vero Artista è quello di influenzare le coscienze verso il positivo, la gioia, la speranza, non verso la tristezza, i conflitti, le amarezze, come troppi cantanti fanno…

Tutto ci influenza, quindi, sappiate scegliere gli artisti giusti! wink

--o--

«Prima che il vento si porti via tutto
e che settembre ci porti una strana felicità
pensando a cieli infuocati
ai brevi amori infiniti
respira questa libertà».

(Jovanotti)